Microinverter o inverter tradizionali?

Mi sembra doveroso dedicare un’ articolo ai microinverter, questi amati e odiati apparecchi che scambiano energia per ogni singolo pannello, indipendentemente  da quanti pannelli è costituito l’impianto.

I microinverter sono la rivoluzione tecnologica degli impianti fotovoltaici, questi infatti rendono l’intero impianto indipendente a differenza dell’impianto tradizionale che prevede una serie tra pannello e pannello.  Di seguito elencherò i principali vantaggi dei microinverter e le differenze dagli impianti tradizionali:

  • Longevità maggiore rispetto agli inverter tradizionali.
  • Maggior rendimento su siti con zone d’ombra temporanea e permanente.
  • In caso di guasto ad un pannello, tutti gli altri continueranno a lavorare al 100% senza essere compromessi.
  • Monitoraggio istantaneo a portata di mano per ogni singolo pannello.
  • Semplicità di integrazione impianti di accumulo di energia.

Una cosa importante da valutare è sicuramente il prezzo, che per la realizzazione di un’ impianto con microinverter è più elevato. Quello di cui non si tiene mai conto però, è la probabilità che  installando un’impianto con inverter tradizionale, nel corso della sua vita capita spesso di dover sostituire l’ inverter almeno una volta, andando ad aumentare il capitale dell’investimento iniziale. In parole povere questo significa che alla fine della vita dell’impianto si rischia di spendere più o meno la stessa cifra o forse addirittura di più rispetto ad un’ impianto con microinvert.

Bisogna considerare che quanto detto sopra è solo un dato indicativo. Infatti da installatore di entrambi i sistemi posso dire che in troppe occasioni ho riscontrato impianti tradizionali non funzionanti o funzionanti in parte da parecchio tempo, questo perché il cliente non si accorge immediatamente del guasto ma solo dopo un periodo di tempo medio-lungo. Questo potrebbe appesantire ulteriormente la spesa complessiva dell’impianto a causa della perdita di produzione totale o parziale per un periodo non definito. I microinverter segnalano istantaneamente la presenza di un guasto evitando problemi di questo tipo.

Potrebbe capitare di avere un canna fumaria sul tetto, alberi od ostacoli che possono coprire momentaneamente uno o più pannelli. Questo per un sistema tradizionale significherebbe una perdita sostanziale su tutta la stringa, in quanto la potenza massima generata da una stringa è data dal pannello che produce meno energia.  Questo ovviamente non accade con i microinverter poiché  ogni pannello è indipendente e non in serie, di conseguenza si ha sempre la massima potenza data da ogni singolo pannello senza che questi interferiscano l’uno con l’altro.

Come ultima cosa, qualcuno potrebbe avere problemi di spazio o non gradire la presenza ingombrante degli inverter tradizionali e del quadro di corrente continua annesso. Problema risolto con i microinverter dove è possibile installare il tutto nel quadro di casa esistente se si ha sufficiente spazio oppure installandone uno nuovo di dimensione notevolmente ridotte rispetto ad un impianto tradizionale.

Buona scelta.

 

 

Rispondi